Ciuff – I Giganti della Pallacanestro

TOP 25 All Time: i migliori giocatori italiani

____
Annunci Google
____

I migliori venticinque giocatori italiani degli ultimi trentacinque anni, divisi in cinque per ogni ruolo, più le citazioni per i giocatori che avrebbero potuto far parte della top 5 e una menzione per i giocatori giovani che, in futuro, potrebbero far parte del ranking. Come tutte le classifiche del genere, è influenzata da grande soggettività e non costituisce una verità assoluta, soltanto un modo per ricordare i grandi giocatori italiani che abbiamo ammirato sul parquet. Buon divertimento!

PLAYMAKER

1

Pierluigi

Marzorati

187 cm

1952

2

Ferdinando

Gentile

image_gallery

190 cm

1967

3

Gianmarco

Pozzecco

Gianmarco_Pozzecco

181 cm

1972

4

Roberto

Brunamonti

 download

191 cm

1959

5

Davide

Bonora

205120_1951721997449_3622862_n

186 cm

1973

 

Il numero 1 è ovviamente Marzorati, una vita a Cantù, capace di scendere in campo per cinque decenni (1969 - 1991 e poi nel 2006).  Per lui una carriera intera in maglia canturina, due coppe campioni, due intercontinentali e innumerevoli altri trofei, campione anche in Nazionale (oro europeo nel 1983, argento olimpico 1980, più altri tre bronzi europei nel 1971, 1975 e 1985). In seconda posizione, Nando Gentile, scugnizzo che regalò il primo scudetto alla sua Caserta, poi Trieste e un altro scudetto quando Stefanel trasferì la società a Milano, con Bodiroga e Fucka. Infine l'Eurolega con il Panathinaikos. Un vincente per eccellenza, un grandissimo del nostro basket, tiratore mancino strepitoso, campione anche in nazionale, con la quale conquistò l'argento europeo nel 1991. Sul podio anche Gianmarco Pozzecco, svezzato ad Udine e divenuto "la mosca atomica" a Varese, città alla quale regalò lo scudetto della stella. Varie stagioni da mvp, anche da miglior realizzatore e sempre miglior assistman del campionato, passò alla Fortitudo Bologna prima di chiudere a Capo d'Orlando, con un passaggio a Mosca. In nazionale, l'argento olimpico del 2004, dopo aver umiliato Allen Iverson e  Team USA in un torneo di preparazione. Dietro di lui, Roberto Brunamonti, prima a Rieti e poi storico capitano delle V nere, con le quali ha conquistato il fantastico 3peat (1993-1995) in squadra con Danilovic. In nazionale l'argento olimpico nel 1980, l'oro europeo nel 1983, il bronzo nel 1985 e l'argento nel 1991. Infine, Davide Bonora, playmaker dal grandissimo I.Q. cestistico, venuto fuori alla Glaxo Verona ed esploso definitivamente alla Benetton Treviso, con la quale conquistò lo scudetto nel 1997, anno in cui condusse la nazionale all'argento europeo. Per lui, in azzurro, anche l'oro del 1999. Infine, con la Virtus Bologna ha conquistato il Grande Slam nel 2001, nella squadra di Ginobili e Rigadeau. Poi l'epilogo a Roma.

CITAZIONI: Bulleri, Caglieris, Fantozzi.

FUTURO: Moretti, Imbrò, Mussini.

GUARDIA

1

Antonello

Riva

riva1

 192 cm

 1962

2

Carlton

Myers

1863167-myers

192 cm

1971

3

Marco

Belinelli

 belinelli_marco1

 196 cm

1986

4

Gianluca

Basile

 basile_255_2(1)

 193 cm

 1975

5

Vincenzo

Esposito

 Vincenzo_Esposito_(1991)

 193 cm

1969

 

Nembo Kid, Antonello Riva, numero uno in assoluto, miglior realizzatore del campionato italiano con oltre 14.000 punti in carriera. Venuto fuori a Cantù, in tempo per vincere tutto nella formazione di Marzorati & co, ad inizio anni 80, poi si è trasferito a Milano, Pesaro, Gorizia, nuovamente Cantù e infine Rieti, sempre da grandissimo realizzatore. A parte lo scudetto e le innumerevoli coppe conquistate con la maglia brianzola,  per lui una Korac con Milano e poi l'oro europeo del 1983 e l'argento del 1991, in maglia azzurra, con la quale detiene numerosi primati realizzativi, in singola partita e in assoluto. Nella classifica dei migliori realizzatori della seria A, a parte Oscar Schmidt, dietro Riva c'è proprio Carlton Myers, anche lui con oltre 10.000, numero 2 del nostro ranking. Myers, cresciuto a Rimini ed esploso a Pesaro, è divenuto icona e capitano nella Fortituto Bologna, con la quale ha conquistato coppa italia nel 1998 e scudetto nel 2000. In nazionale, è stato portabandiera degli azzurri alle olimpiadi di Sidney nel 2000, e ha conquistato l'argento europeo nel 1997 e l'oro nel 1999, da protagonista. grandissimo realizzatore e atleta pazzesco, era famoso per il suo grande tiro in sospensione. Al terzo posto, Marco Belinelli, "the italian stallion" nella Nba, reduce da una grandissima stagione agli Spurs, dove ha conquistato il titolo Nba e il riconoscimento come miglior tiratore da tre punti all'All Star Game 2014. Per lui l'unico successo italiano resta lo scudetto del 2005 in maglia Fortitudo. Dietro di lui, un altro fortitudino doc, Gianluca Basile, scudettato nel 2000 e nel 2005. In nazionale, invece, è stato il fondatore dei tiri ignoranti, portando l'Italia fino all'argento olimpico del 2004. Per lui, anche il bronzo europeo nel 2003, al quale si aggiunge l'oro del 1999. E' divenuto un'icona anche al Barcelona, dove ha vinto campionati ed Eurolega, ragion per cui gli hanno tributato grandi onori quando è tornato da avversario. Infine, Vincenzino Esposito. altro scugnizzo dello scudetto casertano del 1991. Il primo italiano ad andare in Nba, insieme a Rusconi, ed il primo ad incidere, realizzando 18 punti al madison Square Garden, record imbattuto per quasi dieci anni (fino all'arrivo di Bargnani). In carriera, dopo Caserta, Fortitudo Bologna, Toronto Raptors, Pesaro ed Imola, con numerose stagioni da capocannoniere.

CITAZIONE: Abbio, Premier, Niccolai.

FUTURO: Tonut, Flaccadori, Della Valle.

 

ALA PICCOLA

1

Danilo

Gallinari

 

208 cm

1988

2

Andrea

Meneghin

images

 200 cm

1974

3

Riccardo

Pittis

 905_pittis

 203 cm

1968

4

Luigi

Datome

 datome420

 204 cm

 1987

5

Alessandro

Gentile

 1266982-27331291-2560-1440

 200 cm

 1992

 

Numero 1 nel ranking, numero 8 sul parquet, Danilo Gallinari. Il Gallo, nonostante ancora non abbia vinto nulla, è l'ala piccola di maggior talento italiana di tutti i tempi. Giocatore con un fisico ed atletismo pazzesco, per ora gioca ai Denver Nuggets, dopo anni d'oro ai Knicks. Nella Big Apple, ancora lo amano e non l'hanno mai dimenticato. In Italia, il suo cuore appartiene all'Olimpia Milano, nella quale ha militato per un paio di stagioni prima di varcare l'oceano. Da lui ci si attende il definitivo salto di qualità per divenire una superstar Nba, da All Star Game. Al secondo posto, Andrea Meneghin, fisico da ala, nella testa un playmaker, capace di giocare anche guardia. Un all around, difensore, realizzatore, tiratore, un Mr Europa, nel 1999, anno in cui conquistò l'oro europeo in nazionale. Per lui anche lo scudetto  della stella di Varese, sempre nel 1999. I problemi fisici ne hanno stroncato la carriera troppo presto, dopo un paio d'anni in Fortitudo ed il ritorno a Varese, prima di chiudere definitivamente. Al terzo posto, Riccardo Pittis, tra i giocatori più vincenti della storia. Per lui una carriera vissuta tra Milano e Treviso, con 7 scudetti, 6 coppe Italia, due coppe dei Campioni ed una intercontinentale. In nazionale, due argenti europei (1991 e 1997). Da giovane anche realizzatore, a fine carriera specialmente genio della difesa ed uomo tattico, comunque un campione. Fuori dal podio, due giocatori ancora giovani: Gigi Datome, magari un azzardo inserirlo così presto, però il ragazzo è già stato mvp del campionato ed è sbarcato in Nba, diventando il sesto italiano della storia ad andare oltre oceano, qualifica che gli è valsa il quarto posto nel ranking. Infine, Alessandro Gentile, scelto al draft Nba 2014 e già miglior giocatore nei playoff che hanno portato la sua Olimpia a rivincere lo scudetto. Molto giovane ma già in grado di scrivere tante pagine tinte di azzurro.

CITAZIONE: Boni, De Pol, Soragna, Bariviera, Morandotti.

FUTURO: Donzelli, La Torre, Fontecchio.

 

ALA FORTE

1

Gregor

Fucka

fucka

 215 cm

1971

2

Andrea

Bargnani

 

 213 cm

1985

3

Renato

Villalta

 Renato_Villalta

 204 cm

1955

4

Walter

Magnifico

 images

 209 cm

1961

5

Giacomo

Galanda

 Giacomo-Galanda

 210 cm

1975

 

Il nostro numero 1 è un regalo che Bodgan Tanejvic ha fatto al nostro paese, convincendolo, in periodo di guerra, ad abbandonare la Slovenia per divenire italiano. Fucka, alias l'airone, era un giocatore fortissimo, ala di 215 cm, capace di giocare sia fronte a canestro che in post basso. Cresciuto a Trieste, campione a Milano con lo scudetto del 1996, con Bodiroga, Gentile e Blackman, poi è approdato alla Fortitudo Bologna con cui ha conquistato scudetto nel 2000 e coppa Italia nel 1998. Poi il passaggio al Barcelona, con il quale ha conquistato la tanto agognata Eurolega. Infini un pò di girovagare, con un passaggio anche a Roma. In nazionale, invece, l'argento europeo del 1997 e l'oro nel 1999. Al secondo posto, Andrea Bargnani. Il mago, miglior giocatore nel 2006, scudettato quell'anno con la Benetton Treviso, è stato la prima scelta assoluta proprio nel draft del 2006. Dopo una carriera ai Raptors, adesso è passato ai Knicks. Resta uno dei pochi europei ad aver chiuso una stagione Nba ad oltre 20 punti di media a partita (oltre lui, Petrovic, Stojakovic, Parker, Gasol, Dragic e Nowitzki). E ci auguriamo che il meglio debba ancora arrivare. Sull'ultimo gradino del podio, Renato Villalta, bandiera della Virtus Bologna, con la quale ha conquistato tre scudetti e due coppe italia tra il 1976 e il 1989. In azzurro, per lui, l'argento olimpico nel 1980, il bronzo europeo nel 1975 e 1985, e l'oro europeo nel 1983. Fuori dal podio, Walter Magnifico, storica bandiera della Scavolini Pesaro, con la quale ha conquistato gli scudetti del 1988 e 1990, con Daye e Gracis. In nazionale, per lui, l'argento europeo nel 1991 e il bronzo nel 1985. Infine, Jack Galanda, venuto fuori a Verona negli anni d'oro di Bonora ed Henry Williams, divenuto grande a Varese, anche lui nel celebre scudetto della stella, nel 1999, poi Fortitudo Bologna, Siena, con altri due scudetti, nel 2000 e 2004, e infine nuovamente Varese. In nazionale resta uno dei più vincenti di sempre, unico, insieme a Marconato, ad essere presente in tutte le medaglie dell'epopea azzurra recente (argento europeo 1997, oro europeo 1999, bronzo europeo 2003, argento olimpico 2004).

CITAZIONE: Bosa, Bonamico, Sacchetti, Dell'Agnello. 

FUTURO: Melli, Polonara.

PIVOT

1

Dino

Meneghin

grG29QF8bP1NGASFBRIh

205 cm

1950

2

Denis

Marconato

 0135g29c

 211 cm

1975

3

Stefano

Rusconi

 

 208 cm

1968

4

Roberto

Chiacig

 image

 207 cm

1974

5

Augusto

Binelli

 250px-Augusto_Binelli_anni_'80

 215 cm

1964

 

Numero 1, indiscusso ed indiscutibile, Dino Meneghin, il giocatore più vincente della storia ed unico italiano nella hall of Fame statunitense. Per lui, una carriera ultraventennale (1966 - 1994), tutta divisa tra varese e Milano, con qualche apparizione triestina negli ultimi anni. Il suo palmarès parla per lui, 12 scudetti, 6 coppe italia, 7 coppe dei campioni, 1 korac, tre intercontinentali. In nazionale, invece, il bronzo europeo del 1971 e 1975, l'argento olimpico nel 1980 e l'oro europeo nel 1983.  Dietro di lui, Denis Marconato, non per niente il terzo giocatore più vincente, dietro Dino e Ricky Pittis. Per Denis, storica bandiera della Benetton e poi, negli ultimi anni, un pò di girovagare tra Barcelona e altre squadre spagnole ed italiane (Milano, Siena, Cantù, Venezia), 4 scudetti, 7 coppe italia, 4 supercoppe, due saporta ed una copa del rey. In nazionale, come Jack Galanda, presente in tutte le medaglie recenti (argento europeo 1997, oro europeo 1999, bronzo europeo 2003, argento olimpico 2004). Ultimo gradino del podio per Stefano Rusconi, venuto fuori a Varese , come forza della natura, e poi approdato alla Benetton Treviso a suon di miliardi. Con le scarpette verdi conquistò il primo scudetto della storia, con Toni Kukoc e Vinnie Del Negro, nel 1992, e poi tre coppe italia consecutive prima di approdare in nba, ai Suns, senza incidere. Poi il ritorno in Italia, non ai livelli precedenti, specialmente a Milano. Fuori dal podio, Ghiaccio Chiacig, un pivot con grandi capacità di gioco in post basso, alter ego per un decennio di Marconato in nazionale. Per lui una carriera spesa principalmente a Siena, con la quale ha conquistato uno scudetto nel 2004. In nazionale, l'oro europeo del 1999, il bronzo nel 2003 e l'argento olimpico nel 2004. Infine, Augusto Binelli, una scelta del draft del 1986, al numero 40 da parte degli Atlanta Haws, fisico eccellente, tecnica invidiabile. Storico leader e capitano delle V nere, con le quali ha conquistato  5 scudetti, 5 coppe italia ed una coppa dei campioni, prima di chiudere insegnando basket a Trapani, in una serie minore. In nazionale, per lui, il bronzo europeo nel 1985.

CITAZIONE: Vecchiato, Costa, Carera.

FUTURO: Tessitori. Cervi.

Andrea Di Vita

Annunci AdConnexa

2 comments on “TOP 25 All Time: i migliori giocatori italiani

  1. Matthew!! scrive:

    Il numero 1 dei play maker GIULIO IELLINI!!!!!

  2. […] Clicca qui per visualizzare la classifica completa dei migliori venticinque giocatori italiani […]

Rispondi

Segui Ciuff.it

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers:

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: