Ciuff – I Giganti della Pallacanestro

I peggiori atti di nonnismo nella pallacanestro

____
Annunci Google
____

imageStando alle regole Nba, qualsiasi rookie (proprio qualsiasi, anche LeBron e simili) devono portare ciambelle ai compagni nel corso della stagione d'esordio; sembra un sopruso se non fate parte o avete fatto parte di una squadra di pallacanestro, o di qualsiasi altro sport, professionistico o amatoriale che sia, ma non è così, anzi, è ben poco rispetto a quello che può riservare il nonnismo sportivo, evoluzione più raffinata e cameratistica del ben più severo nonnismo di stampo militare.

Andiamo con ordine, partiamo dalla banalitá assoluta, ovvero quegli atti che tutti i ragazzini hanno subito, specialmente quando si sono ritrovati per la prima volta ad affrontare un campionato professionistico, con adulti, dopo o durante l'esperienza del settore giovanile.
Shampoo nelle scarpe da gioco prima dell'allenamento e rasatura dei capelli sono il meglio che vi possa capitare, anzi, la rasatura ha perfino più variabili, può essere totale, a zero, a scacchi, per metá testa e metá no, insomma, tanta roba.
O magari doccia gelata obbligatoria e, per i più fortunati, un paio di minuti dentro al bidone del ghiaccio dove sono conservate le bibite, magari in pieno inverni, così per gradire.
imageQui si tratta di semplici gesti, a dire il vero poco graditi, ma semplicemente destinati a far gruppo a discapito del malcapitato giovane ragazzino di turno.
Può capitare, però, che il giovane faccia qualcosa che i più grandi non gradiscono e qui le ipotesi si moltiplicano, perchè il ragazzino è sempre sotto scacco, può in ogni momento far qualcosa che sancirá la sua tortura negli spogliatoi.
Un sorriso dopo un canestro in faccia a un senior (sorriso autoreferenziale e non di sfottò, perchè in questo caso il rischio è l'incaprettamento immediato), un fallo di troppo, correre troppo durante la preparazione atletica costringendo i vecchi a rincorrerti, una parola sbagliata, il tifo per la squadra sbagliata, queste sono soltanto alcune delle ipotesi che possono mutare lo scherzo cameratistico in vero e proprio atto di bullismo sportivo verso i ragazzini aggregati alla prima squadra.
E vi assicuro, si farebbe di tutto per evitare tragiche conseguenze, finanche rubare la palla al senior di turno per poi riconsegnarla immediatamente, con conseguente cazziatone pazzesco del coach pur di evitare gli umori dello spogliaotio.
Ma veniamo al sodo, cosa può capitarvi se fate adirare i senior? Diciamo che se vi fate la doccia senza aspettare che i grandi l'abbiano giá fatta tutti, potrá capitarvi di avvertire addosso (se siete fortunati sulla gamba) un calore improvviso non derivante dalla caldaia..
Capita anche di subire uno shampoo nel water, ma per questo dovresta averla combinata davvero grossa, dovreste, per fare un esempio, aver risposto malamente ad un senior.
Pizze, dolcini e tutto l'ambaradan però non possono competere con la vera e propria tragedia del giovane sportivo: la ceretta.
Vero è che adesso giovani cestisti metrosessuali provvedono in proprio alla depilazione di gran parte del corpo, ma è anche vero che un tempo non era così, e subire la ceretta era la cosa più dolorosa che potesse capitarvi.
Il peggio però si chiama "mutanda di cerotti", della quale tutti avrete sentito parlare. Io personalmente non conosco nessuno che l'abbia veramente subita, se ne conoscete uno, ancora vivo e sano di mente, che l'abbia subita ed abbia il coraggio di parlarne, beh.. Segnalatelo, perchè merita un'intervista per aver superato la tragica esperienza. Stay tuned!

Annunci AdConnexa

Rispondi

Segui Ciuff.it

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers:

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: